Urlo De Laurentiis: “Tabarez? Guardi in casa propria”

Aurelio De Laurentiis è sempre stato un uomo di personalità forte e vulcanica. Le sue sfuriate e le sue esternazioni ad effetto sono pane quotidiano per i procacciatori di titoli. Un presidente discusso, chiacchierato, ammirato, contraddetto e, ora che la sua creatura è arrivata ad essere riconosciuta in tutto il mondo dopo più di vent’anni come una delle realtà Europee più importanti, abituato a respingere le minacce esterne che vogliono destabilizzare la sua squadra. L’ultima vittima della furia del patron Partenopeo è Oscar Washington Tabarez, ct “mago” dell’ Uruguay, l’artefice del ritorno della “celeste” ai fasti di inizio secolo quando i sudamericani dominavano in lungo e in largo. Le parole di Tabarez hanno avuto lo stesso effetto di un terremoto nell’animo dei tifosi azzurri, perchè il soggetto di cui si tratta è di quelli che da queste parti suona quasi come una divinità: il matador, Edinson Cavani. Il consiglio del mister uruguagio è di quelli che fanno rumore: ” Cavani deve andare via da Napoli. Io andrei a giocare in Spagna o Inghilterra“. La risposta di De Laurentiis non si è fatta attendere: ” Tabarez dovrebbe guardare in casa propria. Chi vuole Cavani deve presentarsi in maniera adeguata, altrimenti non offende me ma il giocatore che è una persona seria. Comunque, Cavani non è uno che tradisce i club di cui veste i colori” Conclusione poi sul mister Mazzarri, più volte accostato alla panchina dell’Inter dal prossimo anno dopo le ultime vicende negative in casa neroazzurra: ” C’è un contratto, non è questo il momento di parlare di queste cose. Il rapporto con Mazzarri va avanti in maniera perfetta, credo che il suo mandato non dovrebbe esaurirsi con la fine di questo campionato.” Staremo a vedere gli sviluppi continui sulla vicenda, certo è che i tifosi del Napoli, stando a quanto detto, possono dormire sonni tranquilli, almeno per ora.

Condividi
Vive a Formia (Latina) e studia Scienze della comunicazione a Roma. Collabora, oltre che con Mondopallone.it, con Calciomercato.it e con seriebnews.com.