Roma, vietati i social network. La società: “Nessuna censura”

Il club giallorosso ha deciso di impedire ai suoi giocatori l’utilizzo di qualsiasi social network. Lo hanno deciso i vertici della società, dopo che il difensore Simon Kjaer ha pubblicato sul suo account Twitter che “l’arbitro avrebbe dovuto vedere meglio“, riferendosi all’episodio del calcio di rigore contro il Siena. Il calciatore danese era stato punito per un fallo ai danni di Mattia Destro, ma sia nel post-partita che tramite il suo computer aveva fatto sapere di non condividere assolutamente la decisione arbitrale, poichè l’attaccante senese aveva accentuato notevolmente la caduta, ingannando il direttore di gara.

Non è la prima volta che un giocatore della Roma pubblica un “tweet” scomodo – vedi i casi Bojan e Josè Angel – ed è per questo che ha deciso di non tollerare più comportamenti simili da parte dei suoi tesserati. Anche perchè il rischio di incorrere in una sanzione è sempre dietro l’angolo.

Condividi
Nato a Genova nel maggio 1992; è un appassionato di calcio, basket NBA e pallavolo (sport che ha praticato per molti anni). Frequenta la facoltà di Scienze Politiche, indirizzo amministrativo e gestionale. Email: alelli@mondosportivo.it