È duello russo per Sneijder

Il centrocampista offensivo dell’Inter, Wesley Sneijder, tiene aperto il mercato del club nerazzurro. Per le prossime due settimane, infatti, non è escluso che il giocatore possa cadere nelle tentazioni delle sue due pretendenti, entrambe provenienti dalla Russia, dove la sessione di calciomercato chiuderà il 24 febbraio.

Assodato l’interessamento da parte dell’Anzhi, pronto a dare al trequartista olandese un ingaggio di ben otto milioni di euro netti a stagione, c’è un altro club russo che vorrebbe mettere le mani sul talento dei Paesi Bassi. È lo Zenit di Spalletti.

Con il rinnovo contrattuale ufficializzato nelle ultime ore, l’ex tecnico della Roma ha adesso poteri manageriali all’interno della società dell’est, con la possibilità di occuparsi in prima persona del mercato della squadra di San Pietroburgo.

Lo stesso allenatore ha recentemente dichiarato alla stampa russa di stimare le doti di Sneijder: “Chi non lo vorrebbe? Sarà difficile strapparlo ai nerazzurri“. I dirigenti russi, da parte loro, stanno già cercando di assecondare i desideri del tecnico toscano, e infatti emissari del club sono già in Italia per provare ad intavolare la trattativa. Certamente lo Zenit dovrà essere pronto a sostenere un lauto ingaggio, che dovrà superare  non solo i sei milioni che attualmente guadagna il giocatore all’ombra della Madunina, ma deve tener testa anche agli otto offerti dall’Anzhi.

Ma in tutto ciò bisogna anche considerare un altro aspetto: siamo sicuri che Wesley sia davvero interessato a trasferirsi in Asia? E la sua “vecchia” aspirazione al Manchester United?

Condividi
Nato a Catania il 10 giugno 1987, si è laureato in Scienze della Comunicazione a Bergamo, dove ha cominciato l’attività pubblicistica collaborando con Bergamo&Sport, Bergamosportnews.it e Itasportpress.it. Segue con passione il calcio a tutti i livelli.