Anelka: “Nel calcio non c’è riconoscenza”

L’attaccante francese Nicolas Anelka del Shanghai Shenhua è tornato a parlare del suo divorzio dal Chelsea, che lo ha spinto a scegliere di varcare la frontiera e misurarsi con un campionato diverso come quello cinese.Intervistato da Canal + Anelka ha parlato di poca riconoscenza da parte del club londinese per cui lui ha dato tutto finché ha potuto: “Un giorno dai tutto, segni e sei tutto per il tuo club, ma quello dopo vieni scaricato senza pietà. Non c’è riconoscenza e non ci sono amici nel calcio, questa è la verità. Nonostante si tratti di un gioco di squadra ognuno pensa solo a se stesso. Per questo ho deciso di lasciare Londra. – continua Anelka facendo un bilancio della sua carriera – Forse avrei potuto averne una migliore, ma sono orgoglioso di quanto ho fatto. Quando torno nel mio quartiere e vedo che i miei amici sono fieri di me capisco che ho fatto le scelte giuste”.

Condividi
Nato a La Spezia nel 1981, ha girovagato per l’Italia da sud a nord. Laureato in Scienze della Comunicazione a Bologna, è stato fra i primi collaboratori di MondoPallone.net. Attualmente vive a Padova, collaborando con diversi siti di informazione calcistica.