Milan, la parola a “Lady B”

Il Milan sta attraversando un periodo decisamente negativo. Nelle ultime tre partite, i rossoneri hanno perso ben due volte, l’ultima ieri sera a “San Siro” contro la Juventus, e pareggiato domenica col Napoli, ancora tra le mura amiche. Tra l’altro segnando appena un goal e subendone quattro. Numeri che in quel di via Turati non erano abituati a vedere da un bel po’ di tempo, tanto che questo appare come uno dei momenti più delicati della gestione Allegri.

Proprio per questo, la società è voluta mostrarsi vicino alla formazione e lo ha fatto affidando la parola alla componente più affascinante della dirigenza rossonera, con buona pace della pelata di Adriano Galliani. Barbara Berlusconi è uscita allo scoperto, parlando del periodo poco felice della squadra di famiglia, chiedendo soprattutto il sostegno del pubblico di fede milanista, soprattutto dopo la bruciante sconfitta con i rivali bianconeri.

“La squadra ha bisogno di sentire la vicinanza dei nostri tifosi. Questo non deve essere il momento delle polemiche e delle critiche.Viviamo, infatti, una fase cruciale della stagione. Le prossime settimane saranno senza dubbio decisive. Siamo in corsa per raggiungere tutti gli obiettivi che ci eravamo dati a inizio stagione. Le notizie positive non mancano”, questo in sostanza il pensiero della figlia del Presidente.

Barbara che ha parlato anche dei giocatori, elogiando in particolare un giovane che si sta mettendo in mostra: “El Sharawy si sta confermando una promessa del nostro calcio e alcuni nostri giocatori hanno raggiunto un discreto momento di forma. In generale, però, attraversiamo un periodo non facile: molti calciatori sono ancora indisponibili e, giocando ogni tre giorni, risulta difficile recuperarli. Ma, anche per questo, chiedo a tutti sostegno e fiducia”.

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.