Coppa Italia, la Juventus espugna “San Siro”. 2-1 e finale più vicina

Una Juventus gagliarda ed arrembante espugna lo stadio di “San Siro” nella semifinale di andata della Coppa Italia 2012. I bianconeri, che rimangono imbattuti in stagione, superano il Milan per 2-1 ed ora guardano ottimisticamente al match di ritorno in programma il 21 marzo allo “Juventus Stadium”. Eroe della serata l’uruguayano Caceres, alla prima in bianconero dopo il suo ritorno a Torino dal Siviglia. El Shaarawy a segno per i rossoneri.

Partita a due volti allo stadio milanese: brutta nella prima frazione di gioco, divertente ed emozionante nella ripresa, con gli ospiti andati in vantaggio dopo soli 7’ e raggiunti da una bella rete del Piccolo Faraone, che ha sfoderato anche stasera una prestazione convincente. Caceres a 8’ dalla fine per il goal-vittoria juventino. Complessivamente, comunque, meglio la squadra di Conte, che conferma quanto di buono visto finora; Milan, invece, decisamente al di sotto delle aspettative. Allegri avrà da lavorare Ancora nervoso Ibrahimovic

LA CRONACA

Prima frazione di gioco abbastanza contratta, con molti errori nei passaggi da una parta e dall’altra, ma con una Juventus che si lascia preferire rispetto ai padroni di casa rossoneri. La prima occasione del match, se così si può chiamare, è un tiro velleitario di uno dei grandi ex dell’incontro, quel Marco Borriello partito un paio di estati fa per fare posto ad Ibrahimovic; palla lontana dallo specchio della porta milanista. Match che fa fatica a decollare e rossoneri che si fanno vedere dalle parti di Storari, altro ex della partita, solo al 10’, quando Seedorf salta con una sorta di pallonetto un avversario e calcia al volo, ma il tiro dell’olandese esce di poco. Ospiti che comunque sembrano più intraprendenti e mettono spesso in difficoltà il Milan con la velocità degli attaccanti. Grandissima occasione per i padroni di casa al 16’: lancio telecomandato di Bonera per El Shaarawy, il Piccolo Faraone aggancia di sinistro, salta Barzagli e calcia, ma la palla attraversa tutta l’area di rigore senza trovare alcuna deviazione.

Partita che prosegue con poche azioni pericolose, con molti passaggi sbagliati da ambo le parti. Juventus che comunque gioca in maniera più ragionata e che sembra provarci di più, mentre il Milan si affida alle giocate dei suoi singoli. Doppio tentativo di Estigarribia a ridosso della mezz’ora, ma il paraguayano prima tira malissimo, poi va più vicino al bersaglio grosso, ma senza troppa fortuna e risultato che non cambia. Ultima grande occasione della prima frazione di gioco che arriva al 34’: stavolta Amelia è prodigioso e con uno splendido colpo di reni smanaccia in corner una conclusione velenosa di Giaccherini che, dopo aver colpito Mexes, s’impenna pericolosamente, ma l’ex portiere del Livorno è attentissimo e devia.

Seconda frazione di gioco decisamente più divertente. Lo spettacolo si accende già al 53’, quando Borriello approfitta di uno scontro tra Padoin e Mexes, calcia e costringe Amelia al grande intervento. Palla che rimane lì e Caceres ribadisce in rete a porta libera il tap-in per l’1-0 juventino. Vantaggio tutto sommato meritato per la Juventus. Milan colpito che prova a replicare con un calcio piazzato di Ibrahimovic, ma il tiro dello svedese è parato con bravura da Storari. Ci prova anche Van Bommel con un tiro velleitario, ma proprio dieci minuti dopo la rete juventina, arriva il pareggio milanista: Antonini vola sulla fascia sinistra, mette al centro dove Ambrosini fa la sponda di testa per l’accorrente El Shaarawy che fulmina il portiere juventino con un piatto destro precisissimo.

Partita molto più godibile in questi secondi 45’ di gioco. Al 67’, rete annullata ad Ibrahimovic: lo svedese stoppa con la mano un tiro deviato di Van Bommel e supera indisturbato l’estremo difensore juventino; giusta la decisione di Mazzoleni. Prodigioso intervento difensivo di Chiellini poco dopo che si oppone coraggiosamente ad un tiro ravvicinato del numero 11 rossonero, evitando un goal fatto. Partita che sembra in ghiaccio, ma a 8’ dalla fine arriva il raddoppio Juventus ancora con Caceres. Splendida la seconda rete dell’ex Siviglia che raccoglie un pallone vagante al limite dell’area di rigore milanista, alza la testa e piazza un destro imprendibile che si infila sotto il sette. Milan al tappeto e Juve che amministra. 2’ di recupero e arriva il triplice fischio finale. La Juventus espugna “San Siro”.

TOP E FLOP MILAN

Top: El Shaarawy, a parte il goal, il Piccolo Faraone è l’unico a provarci seriamente. Il numero 92 si muove e svaria sull’arco di tutto il fronte di attacco milanista, rappresentando una minaccia costante per la retroguardia juventina. Mister Allegri dovrà puntare su di lui e sulla sua freschezza.

Flop: Ibrahimovic, a parte un lampo su calcio di punizione, lo svedese è apparso ancora una volta abulico, come succede nelle ultime partite. Forse è stanco e la sosta forzata causa squalifica potrà rigenerarlo. Nervoso, gli viene annullato giustamente una rete per fallo di mano.

TOP E FLOP JUVENTUS

Top: Caceres, non poteva esserci ritorno migliore per l’esterno destro di ritorno dall’avventura al Siviglia. L’uruguayano segna una indimenticabile doppietta che regala la vittoria alla sua squadra. Da opportunista il primo, stupendo il secondo goal: un colpo di biliardo da giocatore di grande classe.

Flop: Quagliarella, il giocatore campano entra a metà ripresa, ma non lascia assolutamente il segno. Anzi, si fa ammonire per uno stupido fallo ai danni di Thiago Silva. Ha bisogno di giocare per ritrovare la giusta condizione fisica.

IL TABELLINO

MILAN-JUVENTUS: 1-2 (0-0)

MILAN (4-3-1-2): Amelia; Bonera, Mexes, Thiago Silva, Antonini; Ambrosini, Van Bommel (40’st Maxi Lopez), Emanuelson (15’st Robinho); Seedorf; Ibrahimovic, El Shaarawy. A disp.: Roma, Zambrotta, Abate, Mesbah, Inzaghi. All: Allegri.

JUVENTUS (4-4-2): Storari; Caceres, Bonucci, Barzagli, Chiellini; Giaccherini, Pirlo, Padoin (25’st Marrone), Estigarribia; Borriello (23’st Vucinic), Del Piero (21’st Quagliarella). A disp.: Buffon, De Ceglie, Lichtsteiner, Marchisio, Elia. All. Conte.

Arbitro: Mazzoleni di Bergamo

Marcatori: 53’ e 83’ Caceres (J), 62’ El Shaarawy (M)

Ammoniti: Ambrosini, Mexes (M) Quagliarella (J)

Espulsi: –

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.