Maxi-gioia: “Restituirò l’affetto ai tifosi”

Il vero vincitore di questa sessione di mercato è Maxi Lopez: il giocatore argentino ha infatti ottenuto il tanto cercato trasferimento in rossonero, da lui definita come la miglior squadra italiana. Era da tanto che l’attaccante non si allenava accanto a campioni di assoluto livello: sei lunghi anni di “purgatorio” dopo quell’esperienza in blaugrana, che lo aveva soffiato proprio al club di via Turati per poco più di 6 milioni di euro prelevandolo dal River Plate, quando era ancora poco più che una promessa del calcio sudamericano. Tante ombre e poche luci in quell’esperienza spagnola, condita da infortuni e gol inutili, come quello segnato al Chelsea negli ottavi di finale della Champions League, al suo debutto in competizioni UEFA. Poi l’infortunio al piede destro, che condizionò in maniera definitiva la sua esperienza al Barcellona: al rientro fu messo ai margini della squadra, venne mandato in prestito al Maiorca, dove non ripagò le aspettative che vi erano su di lui, segnando solo 3 gol in 29 partite.

La sua carriera prosegue inizialmente con un’esperienza nella fredda Russia alla corte dell’FK Mosca, e poi al caldo arido delle spiagge brasiliane nel Gremio, prima di tornare nel calcio che conta: il 20 gennaio 2010 viene ufficializzato il suo trasferimento in Sicilia, sponda Catania. Da quel giorno Maxi Lopez non smetterà più di segnare: concluderà la stagione 2009-2010 con 11 gol in 17 partite, contribuendo in maniera fondamentale alla salvezza degli etnei e, nella stagione successiva ancora 8 gol, altrettanto importanti per gli obiettivi del club siciliano.

Il resto è storia recente, quella di un attaccante che ha inseguito una “grande” per tanti anni e, finalmente, può dire di aver coronato il suo sogno. Non senza sofferenza, perchè lasciare Catania (e il suo pubblico) per lui è stato evidentemente emozionante, e gli è costata anche qualche lacrimuccia; ma l’argentino sa meglio di chiunque altro che questo potrebbe essere l’ultimo treno per il calcio che conta, e lo dimostrano tutti quei giorni rimasto ad aspettare nell’albergo vicino alla sede del Milan, a seguire (e forse anche gufare) la Tevez-novela assieme al proprio procuratore Andrea d’Amico.

Le sue prime parole da rossonero sono quelle di un calciatore stremato da un mese di attesa: “Sono felice visto tutto cio’ che e’ successo. Alla fine e’ arrivato il premio di entrare in questa grande squadra“. Adesso deve regalare qualche “maxi-gioia” ai tifosi, per dimostrare che lui coi “grandi” ci può stare per davvero.

Condividi
Nato a Genova nel maggio 1992; è un appassionato di calcio, basket NBA e pallavolo (sport che ha praticato per molti anni). Frequenta la facoltà di Scienze Politiche, indirizzo amministrativo e gestionale. Email: alelli@mondosportivo.it