Coppa d’Africa 2012 – Gruppo D: Guinea a valanga sul Botswana

Senza storie la prima partita della seconda giornata della fase a gironi del gruppo D della Coppa d’Africa 2012 tra Botswana e Guinea. 1-6 il risultato finale per la Syli Nationale guineana che vince la resistenza delle zebre biancocelesti già nel primo tempo con le reti di S.Diallo, doppietta, Camara e I. Traoré che rendono influente il momentaneo pareggio avversario di Selolwane su rigore. M.Bah e Soumah arrotondano il risultato a fine partita per la Guinea.

Troppa la differenza vista sul terreno di gioco dello “Stade de Franceville” dell’omonima città del Gabon tra le due squadre. Guinea che, dopo la rete del 2-1, ha praticamente controllato il match senza rischiare mai, facilitata anche dell’espulsione a fine primo tempo del neo entrato Motsepe; zebre, dal canto loro, che pagano ancora lo scotto per l’esordio assoluto nella massima competizione per nazioni continentale e che comunque si sono tolte la soddisfazione di mettere a segno una rete. Guinea che con i tre punti conquistati si rilancia in ottica qualificazione, in attesa della sfida tra Mali e Ghana; Botswana con un piede e mezzo fuori dalla manifestazione iridata.

Primo tempo assolutamente spettacolare con ben 5 reti. La prima conclusione in porta è del Botswana con Ramatlhkwane, il giocatore più rappresentativo delle zebre, ma la palla esce di poco. Risposta guineana che non si fa attendere: occasioni mancate per Traore, Bangoura e Bah, ma al 15’ i gialloverdi passano con S.Diallo che non lascia scampo all’estremo difensore avversario Marumo. Syli Nationale che potrebbe subito raddoppiare, ma le conclusioni ancora di Traore e Bangoura terminano fuori. Goal mangiato, goal subito: al 23’ Yattara atterra in area Ramatlhkwane, per l’arbitro è rigore e ammonizione per il portiere. Dal dischetto va Selolwane che realizza la prima storica rete del Botswana in una fase finale della Coppa d’Africa.

Pareggio che dura solo una 4’ perché al 27’ ancora S.Diallo mette la sua firma sull’incontro siglando il goal del 2-1 per la Guinea. Zebre che provano a riorganizzarsi, ma al 41’ I.Traore chiude in pratica l’incontro siglando la rete del 3-1. Notte fonda per il Botswana che allo scadere del primo tempo rimane anche in dieci uomini per l’espulsione diretta di Motsepe entrato da nemmeno dieci minuti al posto del compagno Nato dopo un brutto fallo ai danni del guineano Feindouno. Sulla conseguente punizione, Camara indovina l’angolo giusto e batte per la quarta volta il portiere avversario Marumo

Secondi 45’ di gioco che si aprono ancora con la Guinea in attacco: ci prova in serie Bangoura, Traore e Zayatte, ma la sterile resistenza avversaria non cade. Guineani padroni del gioco e Botswana che, con l’uomo in meno e sotto di tre goal, poco può contro la superiorità avversaria. Marumo salva il risultato un paio di volte ancora sullo scatenato S.Diallo e sulla punizione diretta di Feindouno, ma nulla può all’84’ quando M.Bah con una gran conclusione porta a 5 le reti guineane. Risultato arrotondato 2’ dopo dal sesto goal della squadra di mister Dussuyer siglato da Soumah entrato da pochi minuti. È questa, in pratica, l’ultima emozione di una partita segnata già nel primo tempo: l’arbitro marocchino Al Ahrach fischia la fine dell’incontro dopo 4’ di recupero.

IL TABELLINO

BOTSWANA-GUINEA: 1-6 (1-4)

BOTSWANA (4-3-2-1): Marumo; Letsholathebe, Thuma, Ohilwe, Motlhabankwe; Gabonamo, Nato (38’pt Motsepe) Selolwane; Mongala (27’st Ngele), Moloi (1’st Mafoko); Ramatlhakwane,. All.: Tshosane.

GUINEA (4-3-3): Yattara; T.Bah, Zayatte, I.Diallo, B.Baldé; Feindouno (19’st Conte), M.Bah, S.Diallo (35’st Soumah), I.Traore (23’st L. Bangoura); A.Camara, I.Bangoura. All.: Dussuyer.

Arbitro: Al Ahrach (Marocco)

Marcatori: 15’ e 27’ S. Diallo (G), 23’ rig.Selolwane (B), 41’ Camara (G), 45’ I. Traoré (G), 84’ M. Bah (G), 86’ Soumah (G)

Ammoniti: Motlhabankwe, Ohilwe (B), Yattara, Zayatte (G)

Espulsi: Motsepe (B)

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.