Olimpiadi: Problemi per la creazione di una squadra britannica

In vista delle Olimpiadi di Londra di questa estate le federazioni calcistiche di Scozia, Irlanda del Nord e Galles stanno ostacolando la creazione del Team GB, ovvero la squadra che dovrebbe rappresentare la Gran Bretagna nel torneo di calcio della manifestazione.Le tre federazioni ribadiscono infatti la propria indipendenza dall’Inghilterra e dalla Gran Bretagna e sono pronte a bloccare i propri calciatori bloccandone la convocazione. La presa di posizione più dura viene dalla Scozia che tramite il portavoce Steward Regan ha fatto sapere: “Ogni Nazione fa parte a sé, calcisticamente, e basta guardare l’Ifab, l’International Board: lì ognuno di noi ha il suo voto, non siamo mica uniti. Ed così da 125 anni”. La Scozia inoltre teme una reazione violenta da parte dei tifosi più indipendentisti.

Il ct della selezione britannica Stuard Pearce però insiste: “La situazione è triste, la Fifa ha già garantito che non ci sono problemi di indipendenza se gli atleti di Scozia, Inghilterra e c. scendono in campo per la stessa Nazionale”. E forte dell’adesione di giocatori importanti come i gallesi Ryan Giggs e Gareth Bale, oltre che dell’inglese David Beckham, sta lavorando per trovare una soluzione e presentare a Londra una squadra il più possibile rappresentativa di tutte le federazioni calcistiche (Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord) del Regno Unito.

Condividi
Nato a La Spezia nel 1981, ha girovagato per l’Italia da sud a nord. Laureato in Scienze della Comunicazione a Bologna, è stato fra i primi collaboratori di MondoPallone.net. Attualmente vive a Padova, collaborando con diversi siti di informazione calcistica.