Crisi Fiorentina, Gamberini “Siamo tutti responsabili”. Della Valle: “Rimbocchiamoci le maniche”

Che la situazione in casa viola non fosse delle migliori lo si sapeva da tempo. La vittoria di domenica scorsa contro il fanalino di coda Novara era servita solo ad allontanare momentaneamente le polemiche e le contestazioni di una piazza esigente come quella di Firenze che, dopo aver ottenuto la testa dell’esonerato Mihajlovic, aveva mantenuto alta la tensione in una stagione caratterizzata più da delusioni che da gioie.

La clamorosa sconfitta interna contro il pericolante Lecce ha inevitabilmente riacceso una polveriere mai del tutto sopita in riva all’Arno. Al triplice fischio del signor Calvarese è scattata la nuova contestazione dei tifosi gigliati. Almeno 700 supporters viola hanno assediato le uscite dell’impianto fiorentino, dedicando slogan e cori poco edificanti nei confronti di società e calciatori.

C’è da dire che i protagonisti di questa contestazione ci hanno messo la faccia, parlando onestamente di momento difficile per il club e promettendo maggior impegno ed abnegazione per la maglia. Uno di quelli che ha parlato è stato capitan Gamberini: “Ci dispiace, siamo tutti quanti responsabili. Ci assumiamo tutte le nostre responsabilità. Abbiamo cercato di dare una svolta in parte ci eravamo riusciti con le due buone prestazioni di Novara e Roma, non mi sento di attaccare nessuno dal punto di vista dell’impegno e determinazione. Parleremo nello spogliatoio”.

Sulla situazione della Fiorentina è voluto intervenire anche il presidente onorario Andrea Della Valle, il quale ha affermato: “Mi auguro questa partita sia un incidente di percorso, i tifosi hanno diritto di dire quello che pensano, dobbiamo rimboccarci le maniche per uscire tutti da questa situazione. Ora confrontiamoci, tra un mese poi ne riparliamo. Chi non crede nel progetto se ne deve andare”.

Per la cronaca, va ricordato che finora la Fiorentina ha racimolato 21 punti, frutto di 5 vittorie, 6 pareggi e 7 sconfitte, subendo 16 reti e realizzandone 18.

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.