L’Inter c’è! Pazzini-Nagatomo, Fiorentina ko

L’Inter si risolleva. Contro l’avversario Fiorentina, i nerazzurri vincono per 2-0, con i gol dell’ex Pazzini e del giapponese Yuto Nagatomo, ottenendo tre punti fondamentali per la risalita in classifica e superando i viola di una lunghezza (diciassette punti contro i sedici dei gigliati). La banda di Ranieri comincia a scorgere, così, una barlume di speranza, dopo un avvio di stagione da incubo. Dall’altra parte, gli uomini di Delio Rossi fanno un passo indietro, dopo l’entusiasmante vittoria per 3-0 della scorsa giornata contro la Roma.

 

La squadra di casa, di fatto, domina il match dall’inizio alla fine, e comincia all’attacco con diversi tentativi da parte di un Coutinho sempre in palla e con un giovane Faraoni, che garantisce quantità e qualità al centrocampo. Già al 3′ Coutinho prova a lanciare in avanti Pazzini, ma Boruc non si fa sorprendere e anticipa a terra l’ex Sampdoria. I nerazzurri tolgono il fiato agli avversari viola portandosi sempre in fase offensiva e mettendo i brividi all’estremo difensore gigliato prima con Nagatomo, che ci prova con un destro dalla distanza finito di poco a lato. Poi Milito tenta una conclusione interessante, che viene, però, deviata in angolo.

Segue poi una fase di stallo nel match, con la Fiorentina sempre bloccata nelle iniziative e che di fatto non crea mai pericoli dalle parti di Julio Cesar. Al 30′ l’Inter si risveglia con il brasiliano Coutinho, che prende palla dalla trequarti e penetra in area calciando ottimamente. Boruc, però, chiude lo specchio della porta in maniera pregevole. Proprio quando si dava per scontato la chiusura della prima frazione a reti inviolate, ecco arrivare il vantaggio per la formazione di casa. Al 41′, infatti, Coutinho confeziona uno splendido assist spiovente in area per Pazzini, il quale con un pallonetto esterno salta Boruc, segnando il suo primo gol della stagione a San Siro. Con l’immancabile gol dell’ex, si chiude, poi, il primo tempo.

 

Nella ripresa l’Inter non accenna ad abbassare il ritmo del gioco e si presenta subito con una fiammata di Maicon, che galoppa sulla corsia di destra e pesca in area Milito, ma Gamberini è attento in marcatura e blocca l’argentino sul più bello. La Fiorentina, però, non riesce a far decollare il suo gioco e al 48′ subisce il gol del raddoppio ad opera di Nagatomo, che per la verità, però, viene aiutato da una grave incertezza della retroguardia viola, che fa carambolare il pallone sui piedi del giapponese, lasciando scorrere la sfera oltre la linea di porta. Rete fortunosa, quella messa a segno dal terzino nerazzurro, ma il risultato legittima comunque la prestazione della squadra milanese. La compagine di Delio Rossi fatica a trovare la profondità e risulta poco aggressiva. Solo al 55′ Gilardino ha una buona occasione, trovandosi a due passi da Julio Cesar, ma la difesa nerazzurra neutralizza a dovere l’incursione dell’attaccante ospite. Il match, così, si trascina stancamente verso il termine, ma l’Inter ha ancora il tempo di collezionare ben due occasioni nitide, che getta, però, alle ortiche: al 76′ Maicon serve in area il neo entrato Muntari, che tutto solo davanti alla porta sbaglia clamorosamente un gol praticamente fatto, battendo il pallone a lato. All’84’, poi, Muntari questa volta si traveste da uomo assist cercando Pazzini in area, ma il Pazzo, a tu per tu con Boruc, tira addosso al portiere viola.

Il risultato rimane quindi sul 2-0 fino alla fine dei novanta minuti. Un punteggio obiettivamente giusto per quanto creato dagli uomini di Ranieri. Le note dolenti, ad onor del vero, non mancano. I vari Milito, Zarate, Muntari, offrono prestazioni deludenti, tuttavia la squadra riesce ad ottenere una vittoria importante soprattutto per il morale.

Per la Fiorentina, invece, è una sconfitta che lascia tanti dubbi. Le assenze eccellenti dei viola, come Montolivo e Jovetic, non possono essere un alibi per una prestazione talmente vuota di idee e convinzione. A Delio Rossi il compito di far dimenticare ai ragazzi questa partita, concentrandosi sul prossimo impegno di sabato prossimo contro l’Atalanta.

Inter-Fiorentina 2-0

Inter (4-4-2): Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel, Nagatomo; Faraoni, Thiago Motta, Cambiasso, Coutinho (17′ st Muntari); Milito (19′ st Zarate), Pazzini. A disp.: Castellazzi, Cordoba, Alvarez, Poli, Castaignos. All.: Ranieri.

Fiorentina (4-4-2): Boruc; De Silvestri, Gamberini, Natali, Pasqual; Behrami, Munari (7′ st Salifu), Lazzari (30′ st Kharja), Vargas; Ljajic (20′ st Silva), Gilardino. A disp.: Neto, Nastasic, Romulo, Romizi. All.: Rossi.

Arbitro: Tagliavento

Reti: 41′ Pazzini, 4′ st Nagatomo
Ammoniti: Maicon (I), Gamberini (F)

Condividi
Nato a Catania il 10 giugno 1987, si è laureato in Scienze della Comunicazione a Bergamo, dove ha cominciato l’attività pubblicistica collaborando con Bergamo&Sport, Bergamosportnews.it e Itasportpress.it. Segue con passione il calcio a tutti i livelli.