Allarme ricercatori, troppi colpi di testa causano lesioni al cervello

In un congresso della Radiological Society of North America tenutosi a Chicago è stato presentato uno studio, condotto dalla Yeshiva University di New York, in base al quale i calciatori rischierebbero lesioni cerebrali, anche gravi, a causa dei numerosi colpi di testa effettuati dai giocatori.

Gli scienziati hanno eseguito un test su un campione di 38 calciatori dilettanti di età media trent’anni sottoponendoli a risonanza magnetica. Dagli esiti degli esami si è evinto che gli atleti che hanno effettuato un numero di colpi di testa superiore a mille (calcolando la media di colpi di testa effettuati in un anno) hanno presentato dei traumi al sistema nervoso. I disturbi del cervello a cui i calciatori possono andare incontro vanno dalla memoria verbale, alla velocità psicomotoria e difficoltà visiva.

Condividi
Nato a Catania il 10 giugno 1987, si è laureato in Scienze della Comunicazione a Bergamo, dove ha cominciato l’attività pubblicistica collaborando con Bergamo&Sport, Bergamosportnews.it e Itasportpress.it. Segue con passione il calcio a tutti i livelli.